RSS

Pagine

lunedì 23 agosto 2010

Hole

Oggi pensavo ai buchi.

Il buco nella tasca della mia gonna che ieri mi sono cadute le chiavi e quasi le perdo.
Le buche nella strade di Ravenna che se ti ci infili in bici per lo meno ti rompi una gamba.
Il buco nell'agenda degli appuntamenti, che quando ce l'ha per me la mia estetista, che ha un'agenda più fitta di quella di Barack Obama, sono felice.
Il buco sotto il lavello della cucina dei miei, nel quale si è infilata Ljuba e non so come abbia fatto visto che è la gatta più grassa dell'universo.
Il buco nell'ozono, che qualche anno fa sembrava saremmo morti tutti ed invece adesso deve essere passato di moda e non se ne parla più.
I buchi che mia nonna dice che se ti funzionano tutti a dovere allora stai benone.
Quel buco che tutti noi abbiamo dentro, che assomiglia più ad un vuoto, e proviamo e tentiamo di riempirlo, ma lui è sempre lì, a ricordarci la nostra misera condizione di esseri sempre alla ricerca di qualcosa in più.
Ma forse quel vuoto che non riempiremo mai è il migliore regalo che la natura ci ha fatto perché in fin dei conti è quello che ci spinge a migliorare, desiderare, sognare...

2 pensieri:

Wilkie ha detto...

Vedi che quando vuoi sai essere anche profonda?

:)

W.

P.S. Lyuba è un torello, non un gatto.

Hutch ha detto...

sci sci!
ljuba tanto carina!